Michele Grimaldi crede nel funzionamento di una cultura non di massa, idea d’impronta gramsciana e di Don Milani, secondo cui l’obiettivo della politica sia la trasformazione della plebe in popolo.