È Rainer Maria Rilke a chiarire il proprio modo di intendere la critica letteraria: rimprovera il giovane poeta Franz Xaver Kappus, di guardare troppo all'esterno e lo invita a rivolgersi “nel punto più profondo del suo cuore”.