“Le parole di Eco” di Claudia Negri ha in sé una elastica, selvatica impulsività, mostra una forza intimidatoria all’interno di uno spazio infernale che diventa luogo di rifioritura e letizia.