Giorgio Tacconi ci spiega che il suo non è un testo religioso, né una ricostruzione storica, piuttosto un’opera letteraria intesa a rappresentare la sua visione poetica della figura di Gesù di Nazareth.