Erik Larson ci mostra come sia difficile, anche per coloro che per estrazione culturale si suppone possiedano gli strumenti cognitivi per leggere il “nuovo che avanza”,  individuare la reale direzione di nuovi scenari politici.